• Pagine

  • Baskin… in tutti i sensi (classe 4a B)

    Baskin… in tutti i sensi (classe 4a B)

    Il Baskin è un gioco simile al basket, ma basato sull’inclusività. Possono giocare tutti: sia i bambini normodotati che quelli in situazione di diversa abilità.

    Quando partecipiamo ad un gioco di squadra, diamo  il via al nostro divertimento e all’emozione che abbiamo dentro, ma dobbiamo ammettere che è difficile accettare la sconfitta e non sempre il fair play, cioè il gioco corretto e leale, la fa da padrone.

    Per questo motivo dobbiamo impiegare tutti i nostri sforzi per tenere sotto controllo la rabbia e la delusione e giocare in modo responsabile, senza aggredire chi non è molto abile.I bambini diversamente abili non hanno le stesse chances di quelli normodotati.

    Per questo motivo è nato il baskin, cioè, “basket in”, gioco alla misura delle capacità di tutti, nessuno escluso.

    Infatti, invece di avere solo due canestri, ne ha due in più, più accessibili ai bambini in carrozzina e più deboli dal punto di vista motorio. Ogni squadra è “mista”, cioè composta da giocatori dotati di capacità diverse.Questo permette un certo equilibrio durante il gioco, in modo tale che chi è più abile non prenda il sopravvento sul meno abile.

    Giocare insieme significa essere un gruppo.

    Per essere un bravo giocatore di Baskin, come tutti gli sport, bisogna imparare e rispettare le regole del “fair play”. La prima è il rispetto degli altri, anche i più deboli, anzi, soprattutto loro. Nel fair play è importante il rispetto per se stessi e la valorizzazione delle diversità e delle unicità, perchè tutti noi siamo diversi e unici.

    La regola più bella è la fratellanza sportiva, in cui tutti noi, nei momenti di difficoltà, ci aiutiamo a vicenda.

    E’ anche molto importante essere leali. Ci sono molte persone che non sanno perdere, non capiscono che si può imparare, anche da una sconfitta.

    Il Baskin è un gioco  creato per divertirsi e non solo per vincere sempre. Importante è sempre, come in ogni sport,  non usare la violenza: non ci porta da nessuna parte e ci mette gli uni contro gli altri.

    Un’altra regola fondamentale,  è quella di dare il buon esempio, perché con esso un giocatore potrà diventare migliore di quello che è già e raggiungere l’obbiettivo di essere un gran sportivo, positivo sia nello sport che nella vita di tutti i giorni.

    Ringraziamo il Dirigente scolastico e l’esperta Elisa Matera per averci dato questa preziosa opportunità educativa…Viva il Baskin!

    Matilde Troia

    62 visite totali, 2 visite oggi

  • Sportello d'ascolto
  • Links Utili

  • Contatti

    Indirizzo:
    Viale Gramsci, 44
    76123 - Andria (BT)

    Telefono:
    0883 246418

    Fax:
    0883 292429

    E-mail: baee19800r@istruzione.it

    PEC: baee19800r@pec.istruzione.it

    CF:
    90095070729

    Codice Univoco Fatture Elettroniche:
    UFO9X8

  • © Fabio Sardano
    Referente: Marcella Girasoli