• Pagine

  • Archive

    Baskin… in tutti i sensi (classe 4a B)

    Il Baskin è un gioco simile al basket, ma basato sull’inclusività. Possono giocare tutti: sia i bambini normodotati che quelli in situazione di diversa abilità.

    Quando partecipiamo ad un gioco di squadra, diamo  il via al nostro divertimento e all’emozione che abbiamo dentro, ma dobbiamo ammettere che è difficile accettare la sconfitta e non sempre il fair play, cioè il gioco corretto e leale, la fa da padrone.

    Per questo motivo dobbiamo impiegare tutti i nostri sforzi per tenere sotto controllo la rabbia e la delusione e giocare in modo responsabile, senza aggredire chi non è molto abile.I bambini diversamente abili non hanno le stesse chances di quelli normodotati.

    Per questo motivo è nato il baskin, cioè, “basket in”, gioco alla misura delle capacità di tutti, nessuno escluso.

    Infatti, invece di avere solo due canestri, ne ha due in più, più accessibili ai bambini in carrozzina e più deboli dal punto di vista motorio. Ogni squadra è “mista”, cioè composta da giocatori dotati di capacità diverse.Questo permette un certo equilibrio durante il gioco, in modo tale che chi è più abile non prenda il sopravvento sul meno abile.

    Giocare insieme significa essere un gruppo.

    Per essere un bravo giocatore di Baskin, come tutti gli sport, bisogna imparare e rispettare le regole del “fair play”. La prima è il rispetto degli altri, anche i più deboli, anzi, soprattutto loro. Nel fair play è importante il rispetto per se stessi e la valorizzazione delle diversità e delle unicità, perchè tutti noi siamo diversi e unici.

    La regola più bella è la fratellanza sportiva, in cui tutti noi, nei momenti di difficoltà, ci aiutiamo a vicenda.

    E’ anche molto importante essere leali. Ci sono molte persone che non sanno perdere, non capiscono che si può imparare, anche da una sconfitta.

    Il Baskin è un gioco  creato per divertirsi e non solo per vincere sempre. Importante è sempre, come in ogni sport,  non usare la violenza: non ci porta da nessuna parte e ci mette gli uni contro gli altri.

    Un’altra regola fondamentale,  è quella di dare il buon esempio, perché con esso un giocatore potrà diventare migliore di quello che è già e raggiungere l’obbiettivo di essere un gran sportivo, positivo sia nello sport che nella vita di tutti i giorni.

    Ringraziamo il Dirigente scolastico e l’esperta Elisa Matera per averci dato questa preziosa opportunità educativa…Viva il Baskin!

    Matilde Troia

    1,939 visite totali, 17 visite oggi

    Read more...

    Tecniche artistiche a confronto (5a B)

    Gli alunni della classe 5 B hanno realizzato con entusiasmo ed impegno le rappresentazioni di un paesaggio invernale mettendo in risalto la prospettiva e i colori brillanti utilizzati per catturare lo sguardo e l’interesse dello spettatore ed anche dei magnifici disegni geometrici spaziando con la creatività e la fantasia.

    Le insegnanti: De Robertis – Monfalcone

    Cartellone-Winter-5°Bweb

    2,167 visite totali, 18 visite oggi

    Read more...

    Visita a Egnazia (classi 5e B/G)

    Gli alunni delle classi quinte B-G hanno vissuto un’esperienza ricca ed entusiasmante anche grazie alla sapiente guida dell’esperto Mimmo Lorusso che ha saputo valorizzare l’inestimabile valore del sito archeologico e ha catturato  e mantenuto viva l’attenzione e l’interesse degli alunni.

     

    2,069 visite totali, 18 visite oggi

    Read more...

    Sulle tracce dei Del Balzo (cl. 3a B)

    Il giorno 3 maggio la classe 3a B ha partecipato ad una caccia al tesoro organizzatosi per la giornata dell ‘arte e della creatività dal titolo “Sulle tracce dei Del Balzo .

    L’evento, realizzato all’interno della Fiera d’Aprile, ha entusiasmato molto i bambini che dovevano , dopo aver risolto degli indovinelli, trovare le tessere di un puzzle raffigurante il Castel del Monte.

    Alla fine del gioco tutti hanno ricevuto un portachiavi con lo stemma del casato.

    caccia-tesoro1 caccia-tesoro2 caccia-tesoro3 portachiavi

    1,992 visite totali, 19 visite oggi

    Read more...

    La scrittura antica… che mistero! (4a B)

    I Sumeri usavano la scrittura cuneiforme, anche i babilonesi, gli Ittiti e gli assiri. Scrivevano su tavolette di argilla.

    Gli egizi usavano molte scritture. La scrittura geroglifica, quella ieratica e quella demotica. Scrivevano su dei fogli di papiro, ricavati dalla pianta del papiro,lavorati in vari passaggi e messi ad essiccare.

    La scrittura giunse nella penisola araba dalla Siria, tra il 1000 e il 700 a.C sappiamo infatti che la prima scrittura alfabetica fu sviluppata a Ugarit , sulla costa del Siria nel corso del II millennio a.C., da cui poi si sarebbe diffusa in Francia e in Arabia. Gli studiosi distinguono le iscrizioni antiche dell’Arabia settentrionale in tre gruppi Tamudendo, Lihyanita  e Safaitico.

    La scoperta più bella è stata quella riguardante l’origine della lingua araba da quella geroglifica antica, la ieratica. L’alfabeto arabo si è evoluto a partire da una forma corsiva dell’ alfabeto Nabateo, usata soprattutto per iscrizioni su papiro.

    L’andamento della scrittura va da destra verso sinistra. La lingua araba ha più fonemi di quella aramaica, perciò i 22 segni dell’ alfabeto Natabeo divennero 28 in quello arabo. E, poiché i certi caratteri erano molto simili, si stabilì la regola di aggiungere dei punti per differenziarla.

    Ancora una volta ci ha particolarmente entusiasmato lo studio degli avvenimenti del passato per capire meglio quelli del presente.

    di Serena Zarrouk

    1,983 visite totali, 17 visite oggi

    Read more...

    Foglio di papiro (classe 4a B)

    Il Papiro è la superficie di scrittura ricavata da una pianta acquatica, molto comune nel delta del Nilo e in alcune parti del Mediterraneo.

    La carta di papiro rappresentò una vera e propria rivoluzione nel campo della scrittura, poiché risultava facilmente pieghevole, leggera e di colore chiaro, tutte qualità utili per gli scritti. Il primo produttore del prezioso materiale fu l’Egitto.

    Il suo utilizzo scomparve solo quando si diffuse la produzione della carta, ottenuta dagli stracci e perciò molto più economica. Il papiro era una sorta di carta.

    Dopo che i popoli del Mediterraneo appresero l’arte della scrittura, la richiesta di “carta di papiro” aumentò enormemente: divenne preziosa e comune in tutta l’area geografica mediterranea.

    La pianta di papiro è stata spesso rappresentata anche nei riti religiosi: nel Basso Egitto, era simbolo di fertilità, fecondità e rigenerazione.

    La 4ª B del III Circolo Cotugno Andria, ha voluto essere come gli egizi costruendo il foglio di papiro che essi usavano per scrivere. Per costruirlo abbiamo preso:6 garze;thè infuso;cartoncino;colori.

    Prima di tutto abbiamo preso 6 garze e le abbiamo bagnate nel thè; successivamente, dopo che le garze erano asciutte, le abbiamo incollate sul cartoncino marrone.

    Infine abbiamo disegnato e colorato delle figure egizie (faraoni, geroglifici e divinità).

    Autore: Francesco Di Renzo

    2,013 visite totali, 17 visite oggi

    Read more...

    Papà… in campo (classe 4a A)

    Esilarante esibizione dei papà e alunni della 4^ A della scuola R. Cotugno

     Presso il 3° circolo didattico R. Cotugno di Andria il giorno 11 aprile 2019 alle ore 17.30 si è tenuta la rappresentazione teatrale” Papà…in campo”, a cura degli alunni e dei rispettivi papà della classe 4^ A.

    L’evento si è tenuto presso l’auditorium Giovanni Paolo II, alla presenza di parenti , amici e del dirigente scolastico dott.ssa Addolorata Guarino. Il progetto, ideato dalle insegnanti e sviluppato in collaborazione con i papà degli alunni, ha avuto come scopo quello di festeggiare la figura paterna e condividere un momento di gioia e spensieratezza. Questo momento di festa è stato creato per porre l’attenzione sull’essere genitore oggi, ed è stato un modo per riflettere su come la figura del papà si sia evoluta e trasformata nel tempo, soffermandosi sulle difficoltà affrontate dai genitori per poter crescere un figlio in un’epoca come la nostra, irta di difficoltà e impedimenti. L’iniziativa ha avuto un grande riscontro ed ha permesso di dimostrare l’importanza della collaborazione scuola-famiglia che genera sempre qualcosa di positivo. La serata si è svolta con l’alternanza di momenti di recitato e momenti canori a cura del coro della 4^ A, a cui si sono aggiunti intensi monologhi che hanno offerto spunti di riflessione sul rapporto padre/figlio. Durante la serata non sono mancati attimi di comicità grazie alla rappresentazione in vernacolo andriese proposta da un gruppo di papà, che con ironia hanno fatto sorridere il pubblico portando in scena il rapporto padre/figlio e il rapporto scuola/famiglia.

    Il progetto è stato accolto con entusiasmo dai genitori i quali hanno caldamente ringraziato i docenti della splendida iniziativa auspicando che la stessa possa ripetersi negli anni futuri. La serata si è conclusa con l’intervento del dirigente scolastico che ha ringraziato con entusiasmo tutti i partecipanti ed i presenti nella consapevolezza che la manifestazione sia stata certamente la dimostrazione che il motto della classe :-“ insieme è più bello” sia stato pienamente accolto da adulti e bambini.

    Le insegnanti della  4^ A

    1,926 visite totali, 17 visite oggi

    Read more...

    Progetto “Okkio alla salute” (cl. 3a C)

    “La nostra classe 3^C è stata campionata per partecipare all’iniziativa: “OKkio alla SALUTE” , promossa dal Ministero della Salute e dell’Istruzione per realizzare attività utili ed efficaci per il miglioramento delle condizioni di vita e di salute di noi bambini della scuola primaria.

    Nei giorni scorsi, sia noi che i nostri genitori, abbiamo compilato dei semplici questionari, in forma anonima, con domande sui cibi che mangiamo abitualmente e sulle attività fisiche quotidiane che svolgiamo. E oggi, con nostra sorpresa, sono arrivati a scuola due operatori della ASL che hanno misurato il nostro peso e la nostra altezza. Noi ci siamo molto divertiti perché la mattinata scolastica è stata insolita e abbiamo ricevuto un attestato di partecipazione a questa iniziativa. WOW!!!”

    Gli alunni della 3a C

    okkio-alla-salute2web

    2,102 visite totali, 19 visite oggi

    Read more...

    Auguri di Pasqua “riciclati” (cl. 3e C/D)

    Proprio così: nell’ambito dello studio delle scienze, abbiamo parlato di riciclo e di raccolta differenziata, sottolineando come queste abitudini fanno molto bene all’ambiente. Abbiamo parlato di carta che viene prodotta dalla cellulosa degli alberi, che vengono tagliati anche per questo motivo. Quindi abbiamo scoperto che dalla carta si può ricavare altra carta e abbiamo voluto sperimentare questa tecnica in modo molto artigianale. I bambini hanno visto le varie fasi e  hanno messo “le mani in pasta”. Il risultato sono stati dei bei fogli doppi colorati (abbiamo usato la tempera mescolata alla pasta dei giornali) con i quali abbiamo realizzato un delizioso cartoncino augurale di Pasqua

    AUGURI BUONA PASQUA ATUTTI

    2,126 visite totali, 20 visite oggi

    Read more...

    Pasqua con gli Stencil (classe 4a B)

    PASQUA CON GLI STENCIL IN 4^ B

    In occasione delle festività pasquali i bambini della quarta B hanno preparato i biglietti augurali con la tecnica pittorica degli stencil. Lo stencil è una procedura decorativa semplice, che richiede solo un po’ di pazienza e di precisione.

    Stencil significa letteralmente “mascherina”: un disegno ritagliato su acetato , cellophane, cartone o plastica che su applica su foglio di carta, su tela, legno o muro.

    I bambini hanno utilizzato per apporre la pittura sul cartoncino delle spugnette intinte in vari colori a scelta. Essi ci hanno messo tutto il loro impegno per realizzare un’immagine variopinta ed originale ispirata ai temi più rappresentativi della Pasqua: coniglietti, uova, galline, cestini, campane.

    La sorpresa più bella è stata osservare il risultato del loro lavoro una volta sollevata la mascherina (stencil).

    L’originalità è una qualità importante per chi vuole cogliere la bellezza dell’arte e trasmettere gioia, serenità e armonia.

    2,070 visite totali, 17 visite oggi

    Read more...
  • Sportello d'ascolto
  • Links Utili

  • Contatti

    Indirizzo:
    Viale Gramsci, 44
    76123 - Andria (BT)

    Telefono:
    0883 246418

    Fax:
    0883 292429

    E-mail: baee19800r@istruzione.it

    PEC: baee19800r@pec.istruzione.it

    CF:
    90095070729

    Codice Univoco Fatture Elettroniche:
    UFO9X8

  • © Fabio Sardano
    Referente: Marcella Girasoli